Erboristeria - Vendita online prodotti erboristici & dispositivi medici, integratori e rimedi naturali, cosmesi e alimentazione biologica

Carrello

SERENOA COMP

In offerta!
serenoa compserenoa comp

SERENOA COMP

20,0022,50 IVA inclusa

  • La Serenoa favorisce il benessere dell’apparato genitourinario maschile.
  • Coadiuvante nelle terze fasi di prostatiti, è utile anche in caso di iperplasia prostatica benigna.

Share this product

Gli estratti lipofili sono usati nei disturbi della minzione associati a iperplasia prostatica benigna di I e II stadio.

Favorisce l’equilibrato benessere dell’apparato genito-urinario nell’uomo

Coadiuvante nelle terze fasi di prostatiti

La Serenoa svolge una importante azione antinfiammatoria a livello prostatico attraverso acidi
grassi che determinano l’inibizione di alcuni enzimi responsabili dell’infiammazione (lipossigenasi e ciclossigenasi) e, legandosi in maniera antagonista sui recettori del diidrotestostrerone, inibiscono l’attività  della 5-alfa-reduttasi. Determina così attività  antinfiammatoria, antiprostatica ed antiandrogena senza comportare effetti collaterali sulla libido o sulla fertilità  svolgendo peraltro una utile attività  spasmolitica (azione alfa-adrenergica e calcio antagonista).

La Curcuma longa, che appartiene alla famiglia botanica delle Zingiberaceae (la stessa dello
Zenzero), da quasi quattromila anni è utilizzata dalle popolazioni indiane e da altre etnie orientali. La ricerca e le sperimentazioni svolte anche nell’occidente negli ultimi decenni hanno confermato importanti azioni salutistiche sull’apparato cardiovascolare, sull’epatico, sulle difese immunitarie.

Studi sperimentali ancora più recenti hanno evidenziato che le curcumine (che rappresentano il
principale componente della radice) potrebbero inibire la proliferazione, indurre apoptosi ed
inibizioni dell’angiogenesi nelle prostatiti.
Tests sperimentali effettuati negli ultimi anni sul Cardo mariano, che è riconosciuto in letteratura scientifica come uno dei più grandi antiepatotossici naturali, hanno dimostrato che le silibine (che fanno parte del complesso delle silimarine) hanno ridotto l’antigene prostatico specifico (PSA) nelle cellule di carcinoma prostatico umano, senza produrre apoptosi, ma inibendo la crescita cellulare con il blocco in fase G1.

IL Melograno, conosciuto da Assiri, egiziani, greci ed in seguito nell’impero romano i grandi
medici (Dioscoride, Plinio, Celso) raccomandavano la decozione della corteccia per espellere la
tenia. Attualmente, dopo alcune migliaia di anni, si stanno approfondendo le proprietà  salutistiche dell’intera pianta, ma in particolare del frutto (epicarpo,pericarpo, succo, semi). Studi recenti hanno messo in evidenza che alcuni preparati del melograno (frutto con i semi) esprimono una capacità  di impedire la formazione di radicali liberi, riducendo lo stress ossidativo e la perossidazione lipidica ed incrementando la capacità  antiossidante del plasma umano. Altre ricerche sono state condotte in casi di prostatiti, mettendo in luce potenzialità  di inibire la proliferazione, inducendo apoptosi modulando le proteine che regolano il processo apoptopico provocando inibizione dell’angiogenesi.

Nella sezione interna del cilindro corticale di Tabebuia avellanedae (che costituisce la materia
prima per produrre gli estratti o la polvere t.q.) sono stati finora individuati 18 diversi chinoni
appartenenti a 2 classi biochimiche: quella dei naftachinoni (oltre al lapacholo e derivati ad esso correlati, quali il diedro-alfa-lapachone/sinonimo di Xiloidone/, il beta-lapachone, il lapachenolo, etc.) e quella degli antrachinoni (n.b. raramente nel regno vegetale finora studiato si riscontra la compresenza di queste due categorie di chinoni). Altri importanti principi attivi, prevalentemente antiossidanti ed immunostimolanti, sono rappresentati da quercitina, carnosolo, indoli vari, coenzima Q10, alcaloidi (tipo tecomina), acidi idrossibenzoici e saponine steroidiche. Ulteriori studi hanno individuato nuovi composti strutturalmente simili al lapacholo, contenenti un anello furanico. Nel caso delle prostatiti (ed in molte altre iperplasie) i naftachinoni (in particolare lapacholo e betalapachone) interferiscono con il metabolismo dell’ossigeno (ciclo di Krebs) delle cellule suddette, attivando un meccanismo per cui in quelle stesse cellule si generano radicali liberi, la cui attività  distruttiva è circoscritta agli acidi nucleici solo delle cellule in questione.

Confezione: 60 capsule vegetali da 500mg cad.

Fornitore: Aregon


Centronaturale.it non vuole dare consigli terapeutici sulle patologie di qualsiasi tipo che rimangono di esclusiva competenza dei medici specialisti.

Informazioni aggiuntive

Peso 90.72 kg
Marchio

Aregon